04.08.2010

“Rosa, mille sonni” R. M. Rilke

Poggiata, fresca rosa luminosa, contro il mio occhio chiuso, sei come mille palpebre che sembrano quasi sovrappporsi alla mia già calda. Mille sonni contro il mio finto che mi fa errare nell’odoroso labirinto.