17.06.2010

“La rosa” Giambattista Marino

Fama è che Citerea col suo leggiadro Adone ne l’acerba stagione cacciando un dì correa, quando a la vaga dea spina nocente e cruda punse del bianco piè la pianta ignuda. Ne la bella ferita la rosa allor s’intinse e ‘l suo candor dipinse mentre la dea smarrita de la guancia fiorita discolorò le rose, […]