Uncategorized

Cinque maggio, Beltaine

Il giorno magico di Beltaine si colloca a metà tra l’equinozio di primavera e il solstizio d’estate. “Bealtaine” è anche il nome del mese di maggio in irlandese. Fonti gaeliche del X secolo affermano che i druidi accendevano dei falò sulla cima dei colli e che vi conducevano attraverso il bestiame del villaggio per purificarlo ed in segno di buon augurio. Anche le persone attraversavano i fuochi, allo stesso scopo. L’usanza persistette attraverso i secoli e dopo la cristianizzazione (i popolani sostituirono i druidi nell’accendere i fuochi), fino agli anni cinquanta. La celebrazione sopravvive ancora oggi in alcuni luoghi, dove principalmente le persone vengono fatte passare attraverso i fuochi. Una celebrazione di Beltane si tiene ogni anno la notte del 30 aprileCalton Hill, presso Edimburgo (Scozia), a cui partecipano circa 15.000 persone.
Nel DruidismoBeltane indica una delle otto festività legate al ciclo delle stagioni.  Anche se la festività riprende alcuni aspetti della festa gaelica (come i falò), sembra più legata alla celebrazione germanica di Calendimaggio, sia per il significato di festa della fertilità che per i rituali (come la danza attorno ad un palo ornato di fiori e stringhe, di cui ogni danzatore tiene un’estremità). Beltaine viene celebrato con una rappresentazione rituale del rapporto fra il Dio e la Dea.