Testi vari

La rosa e Fibonacci

Anche la rosa segue le leggi della Matematica. Il numero dei suoi petali è legato ai numeri della celebre successione di Fibonacci che inizia con una coppia di uno e prosegue poi in modo che ogni termine sia uguale alla somma dei due che lo precedono: 1, 1, 2, 3, 5, 8, 13, 21, 34, 55, … John Conway, geniale ed eccentrico matematico della Princeton University… osserva, la Matematica è un argomento eccitante e sensuale. Mi piace, e personalmente ne ricavo più piacere di quanto molta gente non ne tragga dall’arte. Mi sento come un artista. Mi piacciono le cose belle e queste sono già lì, l’uomo non le deve creare, ma soltanto scoprire. Io sono veramente stupefatto dalla bellezza della Natura. E la Matematica è Natura. Nessuno può aver inventato l’Universo matematico che era là e aspettava soltanto di essere scoperto. E’ una cosa pazzesca e straordinaria. La matematica spiega perché i petali della rosa sono sistemati in un certo modo. Io ritengo di provare più piacere di altri nell’osservare una rosa perché conosco queste cose”.
E il nuovo libro di Conway, scritto insieme a Richard Guy, matematico canadese dell’università di Calgary, Il libro dei Numeri, suggerisce proprio una serie di possibili percorsi alla scoperta della bellezza della Matematica.
Iohn H. Conway e Richard K. Guy, Il libro dei numeri, Hoepli, 1999