Uncategorized

Non solo rose, ma anche Albero della Vita

L’Albero della vita è il programma secondo il quale si è svolta la creazione dei mondi; è il cammino di discesa lungo la quale le anime e le creature  hanno raggiunto la loro forma attuale.  esso è anche il sentiero di risalita, attraverso cui l’intero creato può ritornare al traguardo  cui tutto anela: l’unità del “grembo del Creatore”, secondo una famosa espressione cabalistica. .  L’Albero della Vita è la “Scala di Giacobbe” (vedi Gen.28), la cui base è appoggiata sulla terra, e la cui cima tocca il cielo.  Lungo di essa gli angeli, cioè le molteplici forme di consapevolezza  che animano la creazione, salgono e scendono in continuazione.   Lungo di essa sale e scende anche la consapevolezza degli esseri umani…..

Ognuno di noi, nella vita, deve confrontarsi con un a doppia caduta (fisica e spirituale, morale e umana), con un doppio nascondersi di Dio.   Dice un verso del Deuteronomio (31,18). “…poichè in quel giorno nasconderò doppiamente il Mio volto”.
Si tratta di una doppia crisi, sia a livello di vita pratica  che di fede interiore, un’iniziazione, attraverso cui dobbiamo passare se vogliamo trovare il merito di trovare la strada.  Se dopo l’esperienza ripetuta della sofferenza e dell’esilio, la nostra fede rimane intatta, e il nostro desiderio di Dio e della verità rimane incrollabile, allora ci viene mostrato l’Albero della Vita.  Analogamente subito dopo la distruzione del secondo tempio, lo Zohar (Libro dello Splendore )  fu rivelato al mondo, e con esso venne data la descrizione dell’Albero della Vita. La strada era ritrovata, la via si era riaperta per tutti i ricercatori di Dio nella verità.