Testi vari

La Rosa secondo Mikhael Aivanhov

“…Ero in Bulgaria ed ero ancora molto giovane quando, un giorno, respirando una rosa (e’ proprio vero che laggiu’ le rose sono molto piu’ profumate), ho sentito immediatamente che lasciavo il mio corpo ed ero proiettato in uno spazio in cui scoprivo un mondo nuovo di bellezza e di luce….
A partire da allora ho cercato di ripetere spesso questa esperienza.
Il profumo della rosa , la rosa stessa, grazie alle quintessenze di cui e’ impregnata, mi aveva messo in contatto con Esseri che, da allora, sono sempre con me.  Gia’ a quest’epoca le rose mi avevano insegnato molto e in seguito anche di piu’.  Vedete bene come delle semplici rose possono rivelarci grandi cose.

Che cos’e’ una rosa, o anche solo un petalo?
Per la maggior parte della gente la rosa e’ qualcosa senza importanza, ma per un Iniziato, che conosce la Cabala, essa e’ un mezzo che permette di raggiungere il mondo di Venere, appartenente alla sefira di Netzach.

E’ Venere che ha creato la rosa.  Ogni suo petalo e’ impregnato della quintessenza di Venere …”

” In spirito e in verita”  , Omraam Mikhael Aivanhov
edizioni Prosveta   collezione Izvor

Grazie a Paola per la segnalazione di questo scritto