Testi vari

“Esercizio della rosa” Roberto Assaggioli

” Immaginate una piante di rose: radici, gambo, foglie e, in cima, un bocciolo di rosa.   Il bocciolo è ancora chiuso e avviluppato dai sepali.
Visualizzate chiaramente tutti i dettagli.Ora immaginate i sepali che incominciano a schiudersi e poi a piegarsi all’indietro e a rivelare i petali veri propri, teneri, delicati e ancora chiusi.Ora anche i petali incominciano ad aprirsi lentamente.  A mano a mano che ciò succede, voi sentite che questa fioritura avviene anche nelle profondità del vostro essere.   Potete sentire che qualcosa in voi si sta aprendo e venendo alla luce.
Continuando a visualizzare la rosa, sentite che il suo ritmo coincide con il vostro, che il suo aprirsi è il vostro aprirsi.
Osservate la rosa che si apre all’aria e alla luce e si rivela in tutta la sua bellezza.
Annusate anche il suo profumo, intenso e gradevole.
Ora guardate il centro della rosa, dove la sua vitalità è particolarmente intensa e lasciate che ne emerga un’immagine.
Quest’immagine rappresenta per voi ciò che di più bello  e di più creativo possa venire alla luce nella vostra vita.    Può essere l’immagine di qualsiasi cosa, lasciatela venire spontaneamente, senza sforzarvi e senza pensare.
Infine guardate questa immagine, assimilatene l’atmosfera e il significato.”

tratto da: “Principi e Metodi della Psicosintesi Terapeutica “, pagg. 176-7