Dello stesso autore

Azzurro astratto in giro per la città

Abito ceruleo visto da Sandy via Umberto I Padova

Redazionale su Vogue Sposa dell’acconciatura Roses Fanées

Vogue sposa giugno 2010

Vero vuole la pizza al trancio

Vero vuole la pizza

Barbara con rosa rossa

rose rosse con liccio

Rosa blu su borsa vintage rossa

Collezione di Fiori di Seta: Roses Fanées

Nell’atelier virtuale di Roses Fanées

troverete per la sposa e per la cerimonia

elegante le ultime novità

della collezione rose di seta:

tralci di rose, coroncine di fiori, piccoli bouquets.

Sofisticate composizioni floreali

da usare come accessori per abiti da sera,

per matrimoni ed eventi speciali,

che diventano composizioni per acconciature

o decorazioni di abiti e borse.

Patrizia gentildonna ritratta con il suo cane Miele

Monica e Massimo agenzia Appiani casa, Corso Vittorio E. 95 Padova

Silvia con rosa rossa

Vetrina DANI

Silvia in rosso, bianco e blu

Sciarpa pachwork stampata


Un occhio alle tendenze

Sono andata a Milano mercoledì, e oggi in centro a Padova.
Due città molto diverse, eppure un sottile filo rosso e blu le accumuna.
Sarà questa meravigliosa primavera che si protrae e non vuole finire, ma
in tutte due le città ho visto voglia di questi due colori nelle vetrine e in giro per strada.

“Alors on dance” Stromae traduzione in italiano

Chi dice studio, dice lavoro Chi dice TAF ti ha voluto dire i Thunes, Chi dice soldi dice credito Chi dice debito ti ha detto ufficiale giudiziario Chi dice seduto nella merda. Chi dice amore dice bambini Dice per sempre e poi dice il divorzio. Chi dice chiusure ti dice lutto, Perché i problemi non arrivano mai da soli. Chi dice crisi ti dice fame nel mondo, dice terzo mondo. Chi dice fatica dice risveglio Ancora sordo della veglia Allora abbiamo bisogno di dimenticare tutti i problemi Allora balliamo (x9) Ed è allora che tu dici che è finita peggio, Perchè ci sarà la morte Cosa ne pensi, finalmente te ne sei andato quando ci sono più cose positive e ce ne saranno! L’ecstasy, dici è il problema I problemi o anche la musica I viaggi che fai ti danno alla testa e dopo preghi affinchè si fermi Ma è il tuo corpo a non essere il cielo allora tu apri le orecchie ed è allora che tu gridi più forte e sempre più allora cantiamo, la la la allora cantiamo, la la la allora cantiamo (x2) e dopo, solamente quando abbiamo finito, balliamo. allora balliamo (x7) e sempre di più (x5)