Il più cliccato su Rosesfanées: Commento all’Elogio della Rosa

“Un passo famosissimo dell’Adone è l’Elogio della rosa. Venere , punta a un piede dalle sue spine, si reca a lavarsi la ferita presso una fonte. Nelle  vicinanze scorge l’adolescente pastorello Adone, addormentato sull’erba. Subito ella se ne innamora. Questo passo rivela quante soluzioni potesse un seicentista ricavare virtuosisticamente dalla tecnica della metafora, basti pensare al primo verso “Rosa, riso d’amor, del ciel fattura” dove il poeta con sole undici sillabe riesce a paragonare la rosa ad un sorriso d’amore e ad una creazione celeste. Sono in esso presenti, peraltro, i tratti essenziali della poesia del Marino: le balenanti metafore, un voluttuoso languore e la vena musicale, ora intima e suadente, ora e più spesso risolta in fastose architetture sonore.  L’*ottava 156 si apre con una *paronomasia: «rosa riso» non solo hanno le stesse consonanti, ma differiscono solo per una vocale (hanno in comune la o, ma, come seconda vocale, una parola presenta una a, l’altra una i). Si chiude poi con una *metafora che proietta il proprio senso anche sulle ottave successive: la rosa è la signora («donna») del popolo dei fiori. Infatti subito dopo, nell’ottava successiva, viene presentata come un’«imperatrice» sul trono, circondata da una corte in cui i cortigiani sono rappresentati da una folla di dolci venticelli e le guardie dalle spine (e infatti l’autore parla di «guardie pungenti», al v. 5 dell’ottava 157). Il gioco delle metafore continua con gli accostamenti fra la corona d’oro e gli stami della rosa e il mantello di porpora e i petali (ma il secondo termine del parallelo – e cioè i cortigiani, gli stami e i petali – per lo più non è rammentato: è il lettore che deve immaginarlo). Poi, alla fine dell’ottava 159, viene introdotto un altro accostamento: non più interno all’immagine della rosa = regina, ma esterno a questa immagine, fra la rosa e il sole: la rosa è il sole in terra, il sole è la rosa.”

Commento tratto da: Manuale di letteratura di Luperini, Cataldi, Marchiani, Marchese , G. B. PALUMBO EDITORE

6 Comments »

  1. home business scrive:

    Hello, I enjoy reading through your post. I
    like to write a little comment to support you.

  2. marianna scrive:

    grazie scrivimi pure
    quando vuoi
    Annamaria

  3. This is a great tip especially to those fresh to
    the blogosphere. Simple but very accurate information… Thanks for
    sharing this one. A must read post!

  4. What’s up to every body, it’s my first go to see of this blog; this
    blog includes remarkable and genuinely fine data in favor of readers.

  5. 30 scrive:

    This piece of writing is truly a good one it helps new
    web visitors, who are wishing in favor of blogging.

  6. Johng547 scrive:

    Great website! I am loving it!! Will be back later to read some more. I am taking your feeds also eeddeaeaeffc

RSS feed for comments on this post. / TrackBack URI

Lascia un commento

Il più cliccato su Rosesfanées: Commento all’Elogio della Rosa

“Un passo famosissimo dell’Adone è l’Elogio della rosa. Venere , punta a un piede dalle sue spine, si reca a lavarsi la ferita presso una fonte. Nelle  vicinanze scorge l’adolescente pastorello Adone, addormentato sull’erba. Subito ella se ne innamora. Questo passo rivela quante soluzioni potesse un seicentista ricavare virtuosisticamente dalla tecnica della metafora, basti pensare al primo verso “Rosa, riso d’amor, del ciel fattura” dove il poeta con sole undici sillabe riesce a paragonare la rosa ad un sorriso d’amore e ad una creazione celeste. Sono in esso presenti, peraltro, i tratti essenziali della poesia del Marino: le balenanti metafore, un voluttuoso languore e la vena musicale, ora intima e suadente, ora e più spesso risolta in fastose architetture sonore.  L’*ottava 156 si apre con una *paronomasia: «rosa riso» non solo hanno le stesse consonanti, ma differiscono solo per una vocale (hanno in comune la o, ma, come seconda vocale, una parola presenta una a, l’altra una i). Si chiude poi con una *metafora che proietta il proprio senso anche sulle ottave successive: la rosa è la signora («donna») del popolo dei fiori. Infatti subito dopo, nell’ottava successiva, viene presentata come un’«imperatrice» sul trono, circondata da una corte in cui i cortigiani sono rappresentati da una folla di dolci venticelli e le guardie dalle spine (e infatti l’autore parla di «guardie pungenti», al v. 5 dell’ottava 157). Il gioco delle metafore continua con gli accostamenti fra la corona d’oro e gli stami della rosa e il mantello di porpora e i petali (ma il secondo termine del parallelo – e cioè i cortigiani, gli stami e i petali – per lo più non è rammentato: è il lettore che deve immaginarlo). Poi, alla fine dell’ottava 159, viene introdotto un altro accostamento: non più interno all’immagine della rosa = regina, ma esterno a questa immagine, fra la rosa e il sole: la rosa è il sole in terra, il sole è la rosa.”

Commento tratto da: Manuale di letteratura di Luperini, Cataldi, Marchiani, Marchese , G. B. PALUMBO EDITORE

Abito con rose ricamate

abito Ducad'Aosta

Duca d’Aosta Padova

Piattino vintage

piattino vintage

Velvet Slipper

Velvet Slipper

Ralf Laurent

Rosa Chanel vintage

CHANEL vintage

ES High Cosmetics Bijoux & Vintage Fashion, Piazzetta Palladio, 36100 Vicenza Telefono: 0444 545593

Fantasia di HERMES rosa per le borse di Donatella Brunello

Donatella Brunello

Borsa di Donatella Brunello  da PAVIN  106 Corso Palladio Andrea, Vicenza, 36100 Telefono: 0444 322711

Tenero rosa per le scarpe da principessa

René Caovilla
René Caovilla, Salita S. Moise, 1297, 30124 Venezia Telefono: 041 523 8038

Rose di BALENCIAGA

Rosa BALENCIAGA

visto da Duca d’Aosta Padova

I rosa colorati in mostra dell’ Espace Louis Vuitton Venezia

Mostra dell’ Espace Louis Vuitton Venezia Dal 27 Maggio al 26 Novembre 2016
Dal 27 Maggio al 26 Novembre 2016 La Fondation Louis Vuitton presenta all’ Espace Louis Vuitton Venezia, la mostra “Fondation Louis Vuitton Building in Paris by Frank Gehry. Con l’ intervento di Daniel Buren” ripercorre  il sogno dell’ architetto di “progettare un magnifico vascello che simboleggi la profonda vocazione culturale della Francia”. Completa la mostra uno speciale intervento in situ che l’artista francese Daniel Buren ha realizzato sulla vetrata dell’ Espace Louis Vuitton, dal titolo “Infranti dai riflessi: i colori”. Quest’opera temporanea fa eco alla spettacolare creazione dell’ artista, “Observatory of Light”, presentata questa Primavera alla Fondation Louis Vuitton.

GG Marmont matelassé

GUCCI

 borsa GG Marmont matelassé GUCCI

Il rosa di Coco Chanel

Coco Chanel
L’Armadio di Coco, Campo Santa Maria Nova, 6029/B, Cannaregio, Venezia Telefono: 041 523 6093

BOIS de ROSE & GRAZIA

BOIS de Rose

OLIVARES & RIBERO BOIS DE ROSE & GRAZIA

Berries Concept & Design Store, Piazza Ancilotto, 11, 31100 Treviso TV Telefono: 0422 411435

Ricordare le rose

fiori di seta

1 rosa

MOMONI

MOMONI, PADOVA, Via San Fermo, 27 m.padova@momoni.it.

Lamé rosa

Momoni

MOMONI, PADOVA, Via San Fermo, 27 m. padova@momoni.it.

Riflessi di rose

Terya Yabar

Teria Yabar  a Treviso, Via Martirti della Libertà, 24 tel.0422 185 5675

Rose nel plexiglass

Rose nel plexiglass

visto da: CROWNS, via Eremitani n°15, tel.+39 049 660984 crowns@nadhi.it

Rosso e rosa fucsia

Manila Grace

Ricami rosa su bianco e nero

giacca BAZAR

CLAN UPSTAIRS  Via Pontaccio, 15, 20121 Milano Telefono: 02 875759