Il più cliccato su Rosesfanées: Commento all’Elogio della Rosa

“Un passo famosissimo dell’Adone è l’Elogio della rosa. Venere , punta a un piede dalle sue spine, si reca a lavarsi la ferita presso una fonte. Nelle  vicinanze scorge l’adolescente pastorello Adone, addormentato sull’erba. Subito ella se ne innamora. Questo passo rivela quante soluzioni potesse un seicentista ricavare virtuosisticamente dalla tecnica della metafora, basti pensare al primo verso “Rosa, riso d’amor, del ciel fattura” dove il poeta con sole undici sillabe riesce a paragonare la rosa ad un sorriso d’amore e ad una creazione celeste. Sono in esso presenti, peraltro, i tratti essenziali della poesia del Marino: le balenanti metafore, un voluttuoso languore e la vena musicale, ora intima e suadente, ora e più spesso risolta in fastose architetture sonore.  L’*ottava 156 si apre con una *paronomasia: «rosa riso» non solo hanno le stesse consonanti, ma differiscono solo per una vocale (hanno in comune la o, ma, come seconda vocale, una parola presenta una a, l’altra una i). Si chiude poi con una *metafora che proietta il proprio senso anche sulle ottave successive: la rosa è la signora («donna») del popolo dei fiori. Infatti subito dopo, nell’ottava successiva, viene presentata come un’«imperatrice» sul trono, circondata da una corte in cui i cortigiani sono rappresentati da una folla di dolci venticelli e le guardie dalle spine (e infatti l’autore parla di «guardie pungenti», al v. 5 dell’ottava 157). Il gioco delle metafore continua con gli accostamenti fra la corona d’oro e gli stami della rosa e il mantello di porpora e i petali (ma il secondo termine del parallelo – e cioè i cortigiani, gli stami e i petali – per lo più non è rammentato: è il lettore che deve immaginarlo). Poi, alla fine dell’ottava 159, viene introdotto un altro accostamento: non più interno all’immagine della rosa = regina, ma esterno a questa immagine, fra la rosa e il sole: la rosa è il sole in terra, il sole è la rosa.”

Commento tratto da: Manuale di letteratura di Luperini, Cataldi, Marchiani, Marchese , G. B. PALUMBO EDITORE

6 Comments »

  1. home business scrive:

    Hello, I enjoy reading through your post. I
    like to write a little comment to support you.

  2. marianna scrive:

    grazie scrivimi pure
    quando vuoi
    Annamaria

  3. This is a great tip especially to those fresh to
    the blogosphere. Simple but very accurate information… Thanks for
    sharing this one. A must read post!

  4. What’s up to every body, it’s my first go to see of this blog; this
    blog includes remarkable and genuinely fine data in favor of readers.

  5. 30 scrive:

    This piece of writing is truly a good one it helps new
    web visitors, who are wishing in favor of blogging.

  6. Johng547 scrive:

    Great website! I am loving it!! Will be back later to read some more. I am taking your feeds also eeddeaeaeffc

RSS feed for comments on this post. / TrackBack URI

Lascia un commento

Il più cliccato su Rosesfanées: Commento all’Elogio della Rosa

“Un passo famosissimo dell’Adone è l’Elogio della rosa. Venere , punta a un piede dalle sue spine, si reca a lavarsi la ferita presso una fonte. Nelle  vicinanze scorge l’adolescente pastorello Adone, addormentato sull’erba. Subito ella se ne innamora. Questo passo rivela quante soluzioni potesse un seicentista ricavare virtuosisticamente dalla tecnica della metafora, basti pensare al primo verso “Rosa, riso d’amor, del ciel fattura” dove il poeta con sole undici sillabe riesce a paragonare la rosa ad un sorriso d’amore e ad una creazione celeste. Sono in esso presenti, peraltro, i tratti essenziali della poesia del Marino: le balenanti metafore, un voluttuoso languore e la vena musicale, ora intima e suadente, ora e più spesso risolta in fastose architetture sonore.  L’*ottava 156 si apre con una *paronomasia: «rosa riso» non solo hanno le stesse consonanti, ma differiscono solo per una vocale (hanno in comune la o, ma, come seconda vocale, una parola presenta una a, l’altra una i). Si chiude poi con una *metafora che proietta il proprio senso anche sulle ottave successive: la rosa è la signora («donna») del popolo dei fiori. Infatti subito dopo, nell’ottava successiva, viene presentata come un’«imperatrice» sul trono, circondata da una corte in cui i cortigiani sono rappresentati da una folla di dolci venticelli e le guardie dalle spine (e infatti l’autore parla di «guardie pungenti», al v. 5 dell’ottava 157). Il gioco delle metafore continua con gli accostamenti fra la corona d’oro e gli stami della rosa e il mantello di porpora e i petali (ma il secondo termine del parallelo – e cioè i cortigiani, gli stami e i petali – per lo più non è rammentato: è il lettore che deve immaginarlo). Poi, alla fine dell’ottava 159, viene introdotto un altro accostamento: non più interno all’immagine della rosa = regina, ma esterno a questa immagine, fra la rosa e il sole: la rosa è il sole in terra, il sole è la rosa.”

Commento tratto da: Manuale di letteratura di Luperini, Cataldi, Marchiani, Marchese , G. B. PALUMBO EDITORE

Maggio in un mare di rose

rose di maggio

Bellissimi

IMG_2534

visto da: G&B negozio progress, via Gramsci 23, Brescia tel.030 377136

Grandi fiori sui sandali

 Sandali con fiori

visto da: G&B negozio progress, via Gramsci 23, Brescia tel.030 377136

Rose nascose

 rose nascose

LAMI Fiori, Piazza S. Marco, 8, 20121 Milano Telefono:02 8646 4602

Eleganza milanese

eleganza milanese

Via Manzoni Milano

Roses anciennes

Altre voci

visto da: “Altre voci” Libreria, Via Cittadella, Padova ,049 652753

Zara in rosa per il freddino

Zara

Rose rosa su azzurro

abito con rose

Il rosa nella testa

Cappello paglia

Portobello Market , Antiquariato e vintage · Negozio di articoli usati a Noventa,via della Resistenza, 14, 35027   Padova 049/8932292 328/2084619

Le rose sulla borsa

o-bag

o’bag, via Roma 2 Padova

Il rosa di Luis Ramiro Barragán Morfín

Casa Gilardi Luis Barragán

Casa Giraldi, Luis Ramiro Barragán Morfín (Guadalajara, 9 marzo 1902Città del Messico, 22 novembre 1988) è stato un architetto e ingegnere messicano.

Le rose di Nora

Le rose di Nora

foto di Lucia Carotta

La tavola rosa di Marimekko

la tavola di Marimekko

La tavola di casa Marimekko nell’appartamento di via Palermo 8 a Milano, dal 12 al 17 aprile 2016 Fuori Salone

Poltroncina rosa

AAL83 /Hee Welling HAY

visto da: HAY + wrong.london
quando: 12-17 aprile 2016
dove: Fuori Salone Milano, La Pelota, Via Palermo 10, Milano hay.dk  wrong.london

Le pump rosa del sabato sera

pump rosa

Rosa al mare di Miami

IMG_7340

foto di Federica Zavanella

Ibis

IMG_7183

Foto di Maria Raffaella Bertoli

Il rosa di Colefax and Fowler

Colefax and Fowler

Colefax and Fowler ,Via Palermo, 8 20121 Milano – Italia Tel. +39 02 43986438 Fax +39 02 43911071