Testi vari

Un petalo di rosa…

“Un ragazzo e una ragazza iniziano ad amarsi. Di tanto in tanto si
incontrano, si scrivono; i piccoli doni che si fanno – una ciocca
di capelli, un fiore o un petalo di rosa – sono per loro come
talismani impregnati di un oceano di effluvi. Si sentono felici,
stimolati, ispirati. Lui è un cavaliere, un principe, e lei la
Bella Addormentata nel Bosco! Vivono nella poesia, passeggiano,
si guardano, tutto diventa bello, il loro amore è puro, ideale.
Ma il giorno in cui cominciano a voler vivere il loro amore sul
piano fisico, a poco a poco la poesia se ne va, e a sostituirla è
la prosa.
Direte: « Ma non possiamo restare sempre sul piano ideale». Lo
dite voi. Se ci tenete assolutamente a scendere, fatelo, ma
lascerete il mondo della poesia e della vera bellezza, e la
vostra stessa gioia sarà meno grande. Allora, finché lo potete,
conservate un po’ di distanza in amore, perché è proprio questa
distanza che vi colmerà e vi ispirerà. Grazie ad essa
continuerete ad amare.”

Omraam Mikhaël Aïvanhov