Torte da Offelleria della Meneghina Contrà Cavour, n°18 Vicenza

4 Comments »

  1. Excellent blog! Do you have any tips for aspiring writers?

    I’m hoping to start my own site soon but I’m a little lost on everything.
    Would you recommend starting with a free platform like WordPress or go for a paid option?

    There are so many options out there that I’m completely overwhelmed .. Any recommendations? Bless you!

  2. marianna scrive:

    WordPress is great
    Annamaria

  3. Heya i am for the first time here. I found this board and I find It really useful
    & it helped me out much. I hope to give something back and aid
    others like you aided me.

  4. When someone writes an post he/she retains the thought of a
    user in his/her brain that how a user can understand
    it. Thus that’s why this article is amazing. Thanks!

RSS feed for comments on this post. / TrackBack URI

Lascia un commento

Il più cliccato su Rosesfanées: Commento all’Elogio della Rosa

“Un passo famosissimo dell’Adone è l’Elogio della rosa. Venere , punta a un piede dalle sue spine, si reca a lavarsi la ferita presso una fonte. Nelle  vicinanze scorge l’adolescente pastorello Adone, addormentato sull’erba. Subito ella se ne innamora. Questo passo rivela quante soluzioni potesse un seicentista ricavare virtuosisticamente dalla tecnica della metafora, basti pensare al primo verso “Rosa, riso d’amor, del ciel fattura” dove il poeta con sole undici sillabe riesce a paragonare la rosa ad un sorriso d’amore e ad una creazione celeste. Sono in esso presenti, peraltro, i tratti essenziali della poesia del Marino: le balenanti metafore, un voluttuoso languore e la vena musicale, ora intima e suadente, ora e più spesso risolta in fastose architetture sonore.  L’*ottava 156 si apre con una *paronomasia: «rosa riso» non solo hanno le stesse consonanti, ma differiscono solo per una vocale (hanno in comune la o, ma, come seconda vocale, una parola presenta una a, l’altra una i). Si chiude poi con una *metafora che proietta il proprio senso anche sulle ottave successive: la rosa è la signora («donna») del popolo dei fiori. Infatti subito dopo, nell’ottava successiva, viene presentata come un’«imperatrice» sul trono, circondata da una corte in cui i cortigiani sono rappresentati da una folla di dolci venticelli e le guardie dalle spine (e infatti l’autore parla di «guardie pungenti», al v. 5 dell’ottava 157). Il gioco delle metafore continua con gli accostamenti fra la corona d’oro e gli stami della rosa e il mantello di porpora e i petali (ma il secondo termine del parallelo – e cioè i cortigiani, gli stami e i petali – per lo più non è rammentato: è il lettore che deve immaginarlo). Poi, alla fine dell’ottava 159, viene introdotto un altro accostamento: non più interno all’immagine della rosa = regina, ma esterno a questa immagine, fra la rosa e il sole: la rosa è il sole in terra, il sole è la rosa.”

Commento tratto da: Manuale di letteratura di Luperini, Cataldi, Marchiani, Marchese , G. B. PALUMBO EDITORE

Il più tenero rosa

rose Barni

Rose Barni, Via del Casello, 5 – 51100 Pistoia – Italia – Tel: +39 0573 380464 – Fax: +39 0573 382072

visto da:Visto da“OLTRE IL GIARDINO” in Villa da Schio, Costozza di Longare, Vicenza. MOSTRA – MERCATO, arte, piante, arredamento, design, eventi artistici.“OLTRE IL GIARDINO” in Villa da Schio, Costozza di Longare, Vicenza. MOSTRA – MERCATO, arte, piante, arredamento, design, eventi artistici.

Rifioriranno rose

Rifioriranno rose

E questo cuore

Rinnoverà, taglienti,

Le spine del dolore.

Giunchiglie e tulipani

Si vestiranno a festa

Nella mia primavera

Triste e mesta.

Nuovi ruscelli

Andranno verso il mare

Ma la mia anima

Dove potrà sostare?

Dove riporre

Tutto il mio soffrire

In queste tenebre

Più fitte del morire?

Forse nei petali

Del primo bucaneve

Che saprà scioglierli,

Nel bacio della neve.

Tratto da “Raccontami la luce”, Marta Alberti, Aletti editore

 

 

La paglia con le rose

La signora delle rose

Visto da“OLTRE IL GIARDINO” in Villa da Schio, Costozza di Longare, Vicenza. MOSTRA – MERCATO, arte, piante, arredamento, design, eventi artistici. Daniela Del fabbro, PH: +39 338 7457759 e-mail: danielabag 2007@libero.it

“OLTRE IL GIARDINO”

invito_oltreilgiardino_rev02

Gelato di Mami alla rosa

gelato Mami
MAMI gelato,Via Lucca, 9, 35143 Padova PD, Italia

La grande rosa di GUCCI

Gucci
GUCCI, Via Monte Napoleone, 5/7, 20121 Milano Telefono:02 771271

I’ mi trovai, fanciulle, un bel mattino di mezzo maggio in un verde giardino.

I’ mi trovai, fanciulle, un bel mattino
di mezzo maggio in un verde giardino.
Erano intorno vïolette e gigli
fra l’erba verde, e vaghi fior novelli,
azzurri, gialli, candidi e vermigli:
ond’io porsi la mano a côr di quelli
per adornare e mie biondi capelli,
e cinger di grillanda el vago crino.
Ma poi ch’i’ ebbi pien di fiori un lembo,
10vidi le rose, e non pur d’un colore;
io colsi allor per empier tutto el grembo,
perch’era sì soave el loro odore
che tutto mi senti’ destar el core
di dolce voglia e d’un piacer divino.
I’ posi mente quelle rose allora:
mai non vi potrei dir quanto eron belle!
Quale scoppiava dalla boccia ancora
quale eron un po’ passe e qual novelle.
Amor mi disse allor: “Va’ co’ di quelle
che più vedi fiorire in sullo spino”.
Quando la rosa ogni sua foglia spande,
quando è più bella, quando è più gradita,
allora è buona a mettere in ghirlande,
prima che suo bellezza sia fuggita.
Sì che, fanciulle, mentre è più fiorita,
cogliàn la bella rosa del giardino.

Rime, Angelo Poliziano

Simonetta de L’albero dei fiori

Simonetta L'albero dei Fiori

L’albero dei Fiori, via Boccalerie Padova

Rose vere

Rose vere

Le roselline da bambina da Bonpoint

Bonpoint, Via Alessandro Manzoni, 15, Milano

visto da:

Bonpoint, Via Alessandro Manzoni, 15, Milano, Telefono:02 8901 0023

Il rosa di Fernanda

Lemiegioie

”lemiegioie” di Fernanda Cravero per info:miegioie@gmail.com

Tutto rose, ma anche verdure l’armadio di Emanuela Crotti

 Conservazione Armadio "Il Volo" Emanuela Crotti

 Armadio “Il Volo” Emanuela Crotti 

visto da:Spazio Rossana ORLANDI, Via Matteo Bandello 14/16 20123 Milano (MI) +39 024.674.471  http://www.manucrotti.com/index.html#creazioni

Emanuela Crotti è un artista con sede a Crema, in Italia. I suoi lavori sono stati sempre collegati con i ricordi, rappresentata da piccoli oggetti, immagini, cimeli del suo viaggio in tutto il mondo, frammenti di tutta la sua vita combinate insieme per crea splendide tableaux vivants che diventa funzionali se integrato nelle tabelle, armadi, specchio o divisorio .
la sua particolare tecnica di lanciare diversi strati di resina epossidica per enclosure questi preziosi ricordi permette a questo pezzo di acquisisce tre aspetto dimensionale dove gli oggetti sembra affiorare dalla resina su altri oggetti e immagini che creano l’illusione di un collage di galleggiamento.
opere Manuela Crotti in esclusiva per la Galleria Rossana Orlandi dal 2011 ed è stato esibendo con lei in diverse mostre in tutto il mondo.”

tratto da:http://rossanaorlandi.com/designers/emanula-crotti/

Il rosa di GUCCI

Borsa GUCCI primavera 2016

Gucci primavera 2016

Rose terribilmente fanées

rose fanées

P!nk – Just Like Fire (From the Original Motion Picture “Alice Through The Looking Glass”)

La poltroncina come una rosa

Spazio Rossana ORLANDI

Spazio Rossana ORLANDI, Via Matteo Bandello 14/16 20123 Milano (MI) +39 024.674.471

Il delizioso giardino di Rossana Orlandi

Spazio Rossana ORLANDI

Spazio Rossana ORLANDI, Via Matteo Bandello 14/16 20123 Milano (MI) +39 024.674.471

Le mie rose di seta

rose garden con nappe